Cosa fare a Pisa

Visitare Pisa può riservare delle sorprese inimmaginabili. Antica Repubblica Marinara, fervente centro culturale, città dall’architettura imponente e maestosa, sono solo alcune delle caratteristiche che descrivono questa città. Tra storia e magia, perdersi nei vicoli di Pisa sarà un’esperienza che vi lascerà piacevolmente sorpresi. La Torre Pendente è infatti solo uno dei simboli di questo ridente centro toscano, il punto da cui iniziare il vostro tour alla scoperta dei segreti pisani.

I monumenti di Pisa

Il profilo della città sicuramente non sarebbe lo stesso senza l’imponenza di Piazza dei Miracoli e della Torre Pendente. Ogni giorno centinaia di persone da ogni parte del mondo giungono in questo luogo per ammirare questo piazza patrimonio dell’Unesco. Solitamente è proprio dal complesso monumentale della piazza che hanno inizio i tour alla scoperta della città. Anche se la vera protagonista di questi spazi è la Torre, in realtà l’intera piazza ospita monumenti e musei che lasciano a bocca aperta tutti i suoi visitatori.

Torre pendente o Torre di Pisa

Progettata da Diotisalvi nel 1173, la torre è frutto di un incantevole combinazione di precisione ed errore. Nonostante oggi la si conosca come un monumento a sé stante, in realtà la Torre di Pisa è il campanile della Cattedrale di Santa Maria Assunta; la caratteristica principale della torre è la sua pendenza: essa non fu concepita per essere storta, ma già dall’inizio dei lavori di costruzione il terreno sulla quale la si stava edificando iniziò a mostrare segni di cedimento per la sua natura argillosa. Ma non preoccupatevi, l’asse verticale della torre che passa per il suo baricentro cade nella base d’appoggio, che in altre parole vuol dire che non potrà mai cascare. Quindi, armatevi di smartphone e scattate anche voi un selfie-ricordo con la torre!

Cattedrale di Santa Maria Assunta

Il Duomo di Pisa o Cattedrale di Santa Maria Assunta è la testimonianza più imponente del prestigio della Repubblica Marinara. Rappresenta il massimo splendore dell’epoca in cui Pisa era al centro della cultura e della politica in Italia. Osservando il Duomo da diverse angolazioni si possono scoprire dettagli appartenenti allo stile romanico e, per essere più precisi, al romanico pisano. I lavori di costruzione iniziarono nel 1064 e nel corso degli anni ha subito varie opere di restauro. Durante tutto l’Ottocento ad alcune delle sculture che decorano la struttura sono state sostituite delle copie. La natura del terreno, così come è stato per la torre di Pisa, ha reso l’intera struttura in pendenza, seppur in misura minore rispetto l’adiacente campanile.

Battistero di San Giovanni – Pisa

Le bellezze di Piazza dei Miracoli non si esauriscono con La Torre e il Duomo: sulla facciata ovest della Cattedrale, infatti, si erge anche il Battistero di San Giovanni, un monumento che fa parte del complesso di Piazza del Duomo. Con una circonferenza pari a 107, 24 metri il Battistero di Pisa è considerato il più grande d’Italia. Come molti degli edifici che si trovano nella città anche il Battistero presenta una leggera pendenza verso est, in direzione della Cattedrale di Santa Maria Assunta. Le statue che ricoprono la facciata sono state realizzate ad opera di Nicola Pisano e da suo figlio. I due artisti si sono occupati anche della realizzazione del pulpito che si trova all’interno del Battistero che si distingue per la sua acustica perfetta.

 Camposanto monumentale

All’ombra del complesso monumentale di Piazza dei Miracoli si erge imponente il Camposanto Monumentale. La struttura custodisce le tombe dei più importanti e influenti personaggi della storia di Pisa. I resti di noti poeti e nobili venivano posizionati nel giardino centrale, mentre nei sarcofagi sotto le arcate custodivano antichi sarcofagi romani. Il Camposanto, oltre ad essere un luogo sacro e di sepoltura è anche scrigno che racchiude tantissima arte. Tanti sono gli affreschi e opere d’arte appartenenti all’età etrusca, romana e medievale. Nel corso della storia medievale, infatti, il Camposanto aveva una valenza sacra di grandissima importanza: qui i crociati portarono la terra proveniente dalla Terra Santa prelevata dal monte Golgota.

I musei di Pisa

Per continuare il tour a Pisa, non si può non aggiungere alla lista “cosa vedere a Pisa” i numerosi musei presenti in città. Scopri quali sono i più importanti!

Museo della Grafica

Il Museo della Grafica di Pisa trova la sua sede nel Palazzo Lanfranchi e nasce per volontà del Comune di Pisa e dell’Università di Pisa. L’intenzione è quella di offrire ai visitatori esposizioni delle più importanti raccolte di grafica contemporanea. Il museo permette a studenti e ad appassionati di ammirare le opere esemplari realizzate dai migliori artisti del XIX e XX secolo.

Palazzo Blu

Situato sul Lungarno Gambacorti, Palazzo Blu ospita durante il corso dell’anno diverse mostre temporanee che portano in città opere e dipinti dei grandi maestri dell’arte. Tanto per citare i più recenti Escher, Dalì, Modigliani, Chagall, Mirò, Picasso. Inoltre è possibile visitare all’interno della struttura anche una mostra permanente che raccoglie testimonianze pittoriche di Cecco di Pietro, Taddeo di Bartolo, Benozzo Gozzoli, Vincenzo Foppa e tanti altri.

Certosa di Calci

La Certosa di Calci si trova appena fuori dalle mura pisane, alle pendici del Monte Pisaono. Il complesso, costruito da una famiglia di certosini, è oggi la casa del Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa e del Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci. Particolarmente suggestivo, il monumento si erge in una cornice paesaggistica mozzafiato.

Museo delle Sinopie

Nel museo delle Sinopie (che sono bozze preparatorie di affreschi) sono custoditi e messi in mostra molti degli affreschi preparatori che originariamente si trovavano nel Camposanto Monumentale. In seguito ad un bombardamento sul Camposanto, gli affreschi furono staccati per essere messi in salvo. Dall’operazione di raschiatura emersero questi disegni preparatori che hanno trovato casa in questo interessante museo.

Museo dell’Opera del Duomo

Il museo, adiacente alla Piazza del Duomo, conserva le opere del tesoro della Cattedrale e anche frammenti architettonici degli edifici presenti in Piazza dei Miracoli. Di particolare interesse i gruppi scultorei di Nicola e Giovanni Pisano che adornavano il Battistero e la Cattedrale stessa, rimossi dalle rispettive costruzioni in occasione di restauri.

Museo di San Marco

Nel Museo Nazionale di San Marco si trovano opere che provengono da diversi edifici ecclesiastici del territorio. Le sculture custodite al suo interno appartengono ad un periodo che va dal primo Medioevo fino ad arrivare alle opere Cinquecentesche. Tra le  più belle si possono trovare i capolavori di Nicola e Giovanni Pisano. Nel museo si annoverano anche più di duecento dipinti dell’arte toscana del periodo che va dal Cinquecento al Settecento.

Itinerari urbani di Pisa

Dopo un tuffo nel passato glorioso della città, tra monumenti e opere d’arte, è d’obbligo una passeggiata alla scoperta dei luoghi più caratteristici, delle location che sono al centro della vita quotidiana dei pisani.

Lungarni

La straordinaria bellezza di Pisa si deve forse soprattutto ai suoi Lungarni, ovvero le vie principali che costeggiano e proteggono l’Arno. Qui si affacciano i principali palazzi della città, che riflessi nelle acque del fiume rendono l’atmosfera fiabesca.
A dividere i lungarni c’è il Ponte di Mezzo, connettore principale delle due parti della città, crocevia giornaliero di gente e turisti che si affacciano sul fiume per ammirarne la magnificenza e scattare le foto più suggestive del viaggio a Pisa. Imperdibile la vista dal nostro b&b.

Borgo stretto

Scendendo Ponte di Mezzo in direzione Piazza Garibaldi si arriva nella via più caratteristica di Pisa: Borgo stretto. Qui si affacciano palazzi tipici medievali dove un tempo abitavano i nobili, antiche botteghecaffetterie, locali, ottimi ristoranti e negozi. La caratterstica principale di Borgo Stretto sono i suoi portici sotto i quali si svolge la vita mondana di Pisa . Di qui si arriva facilmente in Piazza delle Vettovaglie, un dei luogi più frequentati di Pisa e attraverso la quale si accede al vero cuore del centro storico.

Piazza dei Cavalieri

Nascosta nel cuore del centro storico di Pisa c’è Piazza dei Cavalieri. Simbolo per tantissimi anni del potere cittadino, oggi Piazza dei Cavalieri assume più il ruolo di simbolo culturale della città. Qui si erge imponente la Scuola Normale di Pisa che, oltre ad essere un’istituzone è anche un’opera d’arte a cielo aperto. La facciata principale del palazzo è stata abbellita da Vasari che con uno stile rigoroso ha ricoperto di figure allegoriche l’edificio, facendolo risplendere tutt’ora con la loro bellezza.

S. M. della Spina

Questa piccola chiesa costruita in stile gotico è una delle espressioni artistiche e architettoniche più sorprendenti di Pisa. Chiamata così perché proprio in questa chiesa era conservata una spina della corona indossata da Gesù e che attualmente si trova nella Chiesa di Santa Chiara a Pisa. Originariamente collocata qualche metro più avanti verso est, questo piccolo gioiello gotico è stato smantellato e ricostruito su una parte di terreno più stabile e sicuro. Oggi l’interno della Chiesa viene utilizzato per ospitare mostre d’arte contemporanea.

Il Bed and Breakfast Garibaldi si trova nel centro di Pisa in un antico palazzo di Piazza Garibaldi. Grazie alla sua posizione strategica, dal b&b Garibaldi potrete iniziare ad esplorare le meraviglie di questa città e vivere la vostra vacanza toscana in completo relax.

Le Camere

Sogno
Delizia
Incanto

Check-in e reperibilità

Reperibilità: H24
Tel: +39 050 613 9281
Cell: +39 342 146 6512
Orari check-in: 13-18
Orari check-out: entro le 10